Vitamina D

Condividi questa pagina e fai conoscere Zandra ai tuoi amici

 

 

 

Con l’arrivo della bella stagione, è bene sfruttare la luce solare per ricaricare il nostro organismo di  vitamina D , molto importante e utile per vivere meglio.

La fonte principale di vitamina D per l’organismo umano è l’esposizione alla radiazione solare. La vitamina D ottenuta dall’esposizione solare o attraverso la dieta è presente in una forma biologicamente non attiva e deve subire due reazioni di idrossilazione per essere trasformata nella forma biologicamente attiva, il calcitriolo.

La vitamina D è  nota per la sua capacità di mantenere le ossa in salute ma è benefica anche per il cervello e per il cuore.

Ma cosa succede in caso di carenza e quali sono i sintomi che possono comparire?

Dolori intercostali, stanchezza e debolezza sono alcuni sintomi che vi avvisano di una carenza di questa vitamina, e ne soffre circa il 50%  delle persone, con punte preoccupanti fra le donne in menopausa, gli anziani e perfino i giovanissimi .

La carenza di vitamina D è davvero diffusissima per il fatto che non passiamo abbastanza tempo all’aria aperta come succedeva una volta. I ricercatori stimano che il 50 per cento della popolazione è a rischio di carenza di vitamina D, con effetti pesanti sulla nostra salute sia fisica che emotiva.

Questa carenza può portare anche ipertensione, diabete, patologie autoimmuni e perfino alcune forme di tumore, un famoso detto dice prevenire è meglio che curare!

  • L’IMPORTANZA DELLA VITAMINA D
  •  Previene infezioni ed influenza
  • Mantiene sani e forte le ossa, i denti e le cartilagini
  • Riduce il rischio di ogni cancro dal 30 al 50%
  • Rafforza il sistema immunitario
  • Previene disturbi cardiocircolatori
  • Tiene alto il tuo umore agendo come un potente antidepressivo
  • Ripara il DNA ed assiste i processi metabolici

CHI SONO I SOGGETTI PIU’ A RISCHIO?

I soggetti maggiormente esposti ad una carenza di vitamina D sono rappresentati da coloro che trascorrono ben poco tempo all’aria aperta durante la vita quotidiana e da chi non assume fonti alimentari di vitamina D. In caso di carenza di vitamina D il medico potrebbe prescrivere un cambiamento dello stile di vita o dell’alimentazione, oppure l’assunzione di un integratore specifico. Le donne in gravidanza e in allattamento, gli anziani e i bambini dovrebbero tenere sotto controllo i propri livelli di vitamina D per evitare carenze.

METTITI AL SOLE

Il sole è la principale fonte di vitamina D.

Bastano solo 30 minuti al giorno in pieno sole per assicurarsi tutti i benefici ricordiamoci di evitare le ore più calde della giornata e utilizzare una crema protettiva !

Esporre al sole almeno il viso e le braccia per 15-20 minuti al giorno, ovviamente con le dovute cautele, è una delle indicazioni di base degli esperti per permettere al nostro organismo di sintetizzare vitamina D grazie alla luce naturale. Quando la stagione lo permette possiamo trarre vantaggio in tal senso dalle giornate soleggiate. Tutti dovrebbero comunque cercare di trascorrere più tempo all’aria aperta per favorire il proprio benessere. La vitamina D infatti regola il metabolismo del calcio ed è fondamentale per il sistema nervoso e per il cuore.

SINTOMI DA CARENZA DI VITAMINA  D:

– Dolori alle ossa e debolezza muscolare: questi sono sintomi che possono essere confusi con quelli di una banale influenza oltre che di un’altra lunga serie di problemi di salute.
Osteoporosi:  una carenza di vitamina D espone maggiormente al rischio di soffrire di osteoporosi.
Problemi cardiaci:  a lungo andare anche il cuore potrebbe risentire di scarsi livelli di vitamina D nel corpo, ecco allora che ad una carenza di questa vitamina in alcuni casi si associano anche problemi cardiaci.
Asma nei bambini: i più piccoli, soprattutto se trascorrono molto tempo in casa, sono a rischio carenza e un sintomo che si può ricondurre ad una concentrazione non ottimale di questa vitamina nel sangue è la comparsa di asma.
Disturbi cognitivi: soprattutto gli anziani che spesso sono carenti di questa vitamina possono veder comparire problemi alla sfera cognitiva.
Disturbi psicologici ed emotivi: una carenza di vitamina D può portare alla comparsa di umore altalenante e tristezza immotivata.
Sudorazione delle mani: quando  questo sintomo compare in maniera apparentemente inspiegabile spesso si associa proprio alla carenza di vitamina D, in quanto sarebbe uno dei campanelli d’allarme più frequenti di questo deficit.

Salva le tue ossa e i tuoi dei denti indispensabile per la crescita e il rimodellamento osseo anche nei bambini , regolazione dei livelli ematici del calcio e del fosforo, ne regola l’assorbimento intestinale.

I 7 segni che indicano la carenza di vitamina D
Il modo più sicuro per valutare se hai poca vitamina D è tramite una semplice analisi del sangue: il range ottimale per la salute è tra 50 e 80 ng/ml. Una quantità di vitamina D tra 80 e 100 ng/ml è importante per guarire il cancro a patologie cardiache. Senza sottoporci alle analisi possiamo già avere un idea se siamo carenti o meno di questa vitamina vitale per la nostra salute, attraverso dei segni e sintomi chiaramente riconoscibili.

Pelle scura. Come ha spiegato il Dr. Holick, il pigmento della pelle agisce come un filtro naturale, in modo che più pigmento si ha, più tempo avrai bisogno di passare sotto il sole per produrre una quantità adeguata di vitamina D. Gli afro-americani sono più a rischio di carenza di vitamina D e hanno bisogno fino a 10 volte di più di esporsi al sole per produrre la stessa quantità di vitamina D rispetto ad una persona dalla pelle bianca.

Ti senti spesso stanco, debole e depresso. La serotonina, l’ormone associato con umore positivo, aumenta con l’esposizione alla luce e regredisce quando l’esposizione al sole diminuisce. Nel 2006, gli scienziati hanno valutato gli effetti della vitamina D sulla salute mentale di 80 pazienti anziani e dallo studio è emerso quelli che avevano bassi livelli di vitamina D erano 11 volte più inclini a essere depressi rispetto a quelli che prendevano integratori di vitamina D.

Hai più di 50 anni. Si stima che oltre il 95% degli anziani può essere carente di vitamina D, non solo perché tendono a passare un sacco di tempo in ambienti chiusi, ma anche perché ne producono meno quando si espongono al sole (una persona di età superiore ai 70 produce circa il 30% in meno di vitamina D di una persona più giovane con la stessa esposizione al sole).

Sei sovrappeso. La vitamina D è una vitamina liposolubile simile ad un ormone, per cui il grasso corporeo agisce come un “pozzo” che attira tutta la vitamina D in circolo. Se sei in sovrappeso o obeso, è quindi molto probabile che avrai bisogno di più vitamina D rispetto a una persona magra – e lo stesso vale per le persone con elevati pesi corporei a causa della massa muscolare.

Hai dolori alle ossa. Secondo il Dr. Holick, coloro che vanno dal medico per dolori alle ossa e affaticamento finiscono per essere diagnosticati come avere la fibromialgia o la sindrome da stanchezza cronica. “Molti di questi sintomi sono classici segni di deficit di vitamina D osteomalacia, che è diversa dalla carenza di vitamina D che causa l’osteoporosi negli adulti”, dice. “Quello che sta succedendo è che la carenza di vitamina D provoca un difetto nel mettere il calcio nella matrice di collagene nel vostro scheletro. Di conseguenza hai i dolori alle ossa.“

Ti suda la testa. Secondo il Dr. Holick, uno dei primi, classici segni di carenza di vitamina D è una testa sudata. Infatti i medici chiedevano alle nuove madri se i loro neonati avessero la testa seduta per questo motivo. Una sudorazione eccessiva nei neonati a causa di irritabilità neuromuscolare è ancora descritto come un comune sintomo precoce di carenza di vitamina D.

Hai problemi intestinali. La vitamina D è una vitamina liposolubile, il che significa che se si ha una disfunzione gastrointestinale probabilmente non sarai in grado di assorbire bene i grassi, con un conseguente minore assorbimento di vitamine liposolubili come la vitamina D. I disturbi gastrointestinali che danneggiano l’assorbimento dei grassi in particolare sono il morbo di Crohn, celiachia, chi è sensibile al glutine e chi ha l’intestino infiammato.

 

 

ALIMENTAZIONE

Indispensabili per una corretta assunzione della vitamina D alimenti come:

Pesce : salmone, trota, aringa, pesce spada, anguilla, sgombro, tonno, carpa , sardina.

Latticcini : latte anche di soyae i suoi derivati come il burro, formaggi e yogurt.

Uova , succo d’arancia, cereali, carne di pollo e di tacchino e le verdure verdi!

______________________________________________________________________________________________________

CONSIGLIATI PER VOI:

Vitamina D
Regina del sistema immunitario

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

€ 12.5

___________________________________________________________________________________________________________________

I Poteri Curativi della Vitamina D
Vitamin D Revolution – Come prevenire e curare: osteoporosi, diabete, rachitismo, sclerosi multipla, influenza, cancro, dolore cronico, asma, deterioramento cognitivo senile, fibromialgia… e molto altro

Voto medio su 35 recensioni: Buono

€ 7.9

___________________________________________________________________________________________________________________

Vitamine A & D 10.000/400
Utile per il nutrimento delle ossa

Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere

€ 13.8001

__________________________________________________________________________________________________________________


Condividi questa pagina e fai conoscere Zandra ai tuoi amici

Autore dell'articolo: Zandra Noprofit