Un terrazzo o giardino a prova di cane!

Condividi questa pagina e fai conoscere Zandra ai tuoi amici

Oggi vi vogliamo parlare dei nostri amici a quattro zampe, soprattutto chi in casa ha un cucciolo, sa che nella fase della dentizione, ha un forte istinto nel masticare qualsiasi cosa trovi, ma non sono comunque esclusi anche i cani adulti.

A volte possono assumere questo comportamento per noia, quindi comprate tanti giochi, anche per tenerlo impegnato mentre siete al lavoro ad esempio, o lo fanno per “purificare” le vie intestinali, sentendo la necessità di ingerire tutto ciò che appare interessante, profumato e di facile portata.

Spesso questo rappresenta un rischio, talvolta anche mortale, e a volte i pericoli, li abbiamo proprio sul nostro terrazzo o nel nostro giardino, quindi è nostro compito provvedere ad adottare alcune accortezze nell’acquisto di nuove piante da mettere a dimora sul terrazzo, senza per questo creare allarmismi eccessivi.

Infatti, per fortuna, ad eccezione di alcune specie estremamente tossiche ( Oleandro, Ricino e Tasso), è poco comune il rischio di situazioni così gravi da non essere risolvibili con una terapia sintomatica. Ma un buon consiglio in generale è quello di evitare piante con lattice o linfa verde.

L’Oleandro, appartiene ad una specie molto pericolosa anche se venisse assunta in minima quantità, sia da animali che dall’uomo. La sua fioritura abbondante e la facilità nella manutenzione, la rendono sempre più appetibile per terrazzi e giardini. Ma purtroppo tutte le sue parti, specialmente le foglie, sono velenose; se ingerite, infatti, provocano la morte quasi immediata per arresto cardiaco dolori addominali e disturbi gastrointestinali.

Il Ricino, invece, possiede un forte veleno all’interno dei suoi semi che se ingeriti accidentalmente dopo circa 24 ore possono provocare convulsioni, morte, e problemi renali.

L’olio di ricino non determina la stessa sintomatologia, in quanto privo della componente velenosa.

Nel caso del tasso, quasi l’intera pianta (foglie, semi e corteccia) può provocare tachicardia, tremori e difficoltà respiratorie.

 

Tra le piante più diffuse con parti mediamente tossiche per il cane, troviamo:

Agapanto, Azalea, Aloe, Begonia, Bianco spino, Bosso, Bucaneve, Calla, Ciclamino, Gelsomino giallo, Glicine, Edera, Iris, Lantana, Rododendro, Tulipano.

In questa lista parziale, riconosco alcune piante che sono molto comuni, e che sono spesso presenti sui nostri terrazzi e giardini, (nel mio giardino avevo tulipani e calle… E a volte il mio cane infatti vomitava e non capivo il perché), mentre gli altri stavano bene…

Quindi vi raccomandiamo di informarvi bene durante l’acquisto.

Grattini pelosi 🐕

 

CONSIGLIATI PER VOI:

 

Il Giardino in Balconi e Terrazzi

€ 7.9

Balconi e Terrazze da Sogno

Tante idee per avere piante meravigliose in ogni stagione
€ 14

Condividi questa pagina e fai conoscere Zandra ai tuoi amici
Animali / di

Autore dell'articolo: