CONSERVAZIONE ERBE AROMATICHE

Condividi questa pagina e fai conoscere Zandra ai tuoi amici

Le erbe aromatiche sono le piante da giardino più coltivate al mondo e hanno numerosi impieghi: alcuni di questi risalgono addirittura a tempi antichi.

Sono ricche di proprietà benefiche e si rivelano un vero e proprio toccasana per la propria salute.

 

CONSERVAZIONE ERBE AROMATICHE

Oggi ho iniziato la raccolta delle erbe aromatiche per assicurarmi una buona scorta in previsione del periodo autunnale!
Ho raccolto il prezzemolo e la menta, e con pazienza ho separato tutte le foglioline dallo stelo, le ho messe a bagno e poi stese ad asciugare un po’ al sole.
Ho imbustato il prezzemolo e in un altro sacchetto la menta e messo il tutto nel freezer!
La cosa meravigliosa è che quando mi serve un po’ di prezzemolo,  non faccio altro che prendere la busta, servirmi di quanto me ne serve, e aggiungerlo sminuzzandolo nei miei piatti da cucinare!
In questo modo manterrà tutte le proprietà cosa che non sarebbe possibile, nel caso si sminuzzasse con la mezzaluna.

Ma vediamo quali sono i metodi per conservare le erbe aromatiche.

LA RACCOLTA

Le foglie giovani possono essere raccolte in qualsiasi momento ed essere usate fresche, mentre le foglie da conservare si possono staccare soltanto in determinati periodi dell’anno, e cioè quando la pianta è all’inizio della fioritura: allora infatti le foglie sono più odorose, e quindi più ricche di oli essenziali.

Nel mio orto coltivo il timo al limone, la menta, il rosmarino, l’origano, il prezzemolo, la salvia, il finocchio selvatico, la maggiorana, e le adoro così tanto che le utilizzo ogni giorno!

PULIRE LE ERBE AROMATICHE

Una volta raccolte le erbe, lavale con cura senza rompere la foglia in acqua fredda, poi stendile in un canovaccio o lasciale asciugare all’aria in modo da scolare il grosso dell’acqua elimina le foglie brutte, danneggiate o ingiallite.
Etichettare ogni contenitore o busta che avrai utilizzato in modo da poterle poi riconoscere.

COME ESSICARE LE ERBE
Le piante con fusti lunghi, come la salvia, la menta ed il rosmarino si possono riunire per le estremità inferiori in piccoli fasci, legato con un nodo  in modo che questo possa essere stretto a mano a mano che gli steli seccando si ritirano.
Trova un posto al coperto che sia asciutto e ben areato: non contro una parete e non ai raggi diretti del sole, e appendili rivolti verso il basso, sistemandovi sotto un vassoio o un foglio di carta per raccogliere eventuali foglie.
Il tempo di essicazione è di norma di due settimane, a meno che il tempo non sia troppo umido: le foglie sono pronte quando risultano fragili e scricchiolano al contatto.
Per proteggere le erbe dalla polvere mentre stanno essiccando, puoi infilarle a testa in giù in un sacchetto di carta forato in più punti: in questo modo il passaggio dell’aria sarà adeguato e le foglie che via via si staccano saranno conservate direttamente dal sacchetto.

SURGELARE NELLA VASCHETTA DEL GHIACCIO
Si tratta del metodo più veloce, probabilmente il migliore per conservare gli oli essenziali ed il colore delle erbe.
il prezzemolo possono essere messe nelle vaschette per i cubetti di ghiaccio e ricoperte con acqua, prima di essere surgelate.
Metti i cubetti di ghiaccio a piccole quantità in sacchetti di plastica trasparente, sigillali e quindi sistemali in un grosso contenitore di plastica, assicurandoti di averlo etichettato e di aver apposto la data.
L’erba cipollina può essere sminuzzata sopra un foglio di carta e messa direttamente in freezer: una volta congelata puoi trasferirla in un contenitore piccolo e prelevarne di volta in volta il giusto quantitativo.

CONGELARE LE ERBE AROMATICHE

Una volta raccolte le erbe aromatiche che volete congelare, lavatele e scolatele bene e appoggiatele su un canovaccio di cotone pulito per fargli perdere tutta l’umidità in eccesso. Mettete ogni erba aromatica all’interno di contenitori ermetici e congelatele. Saranno sempre pronte e conserveranno intatto tutto il sapore di quelle fresche.

Consumate preferibilmente entro tre mesi dalla data di congelamento, le vostre erbe manterranno intatto tutto il loro profumo e sapore. In molti casi le aromatiche possono essere congelate direttamente in vaschette per il ghiaccio, sotto forma di cubetti (1/3 di erbe per 2/3 di acqua) oppure di emulsione a base di olio extravergine d’oliva (olio al basilico pronto all’uso).

CONSERVARE LE ERBE SOTT’OLIO
La conservazione sott’olio vi garantirà un buona riserva di olio aromatizzato per almeno sei mesi. In questo caso il consiglio è di non separare le foglie dai rametti ma di riporre gli steli della pianta direttamente in un vasetto o in una bottiglia, bella anche da esporre in cucina.
Quello che otterrete nel giro di qualche settimana è un olio profumato che potrete utilizzare per insaporire e aromatizzare i vostri piatti preferiti e le insalate.

CONSERVARE LE ERBE SOTTO SALE
Il sale grosso non è solo un ottimo conservante per le erbe aromatiche ma anche uno degli ingredienti base per la preparazione di un insaporitore alle erbe genuino e naturale.
L’alternativa fatta in casa al dado o agli insaporitori commerciali che troviamo sul banco del supermercato – per intenderci – ma assolutamente digeribile, senza conservanti e decisamente più economico!

Preparazione. Lavate e sminuzzate accuratamente le erbe (al coltello), e unitele in una terrina con il sale grosso. Una volta amalgamato bene il tutto conservate in barattoli ermetici e riponete in un luogo fresco e asciutto.
In alternativa è possibile conservare sotto sale le erbe intere disponendole a strati in un contenitore di vetro e alternando gli strati di erbe a quelli di sale. E’ un’ottima base per i soffritti.


Condividi questa pagina e fai conoscere Zandra ai tuoi amici

Autore dell'articolo: